Informatizzazione delle cartelle cliniche del sec. XIX conservate nell’archivio degli Ospedali Psichiatrici di Torino (ASLTO3)

Su incarico della Soprintendenza Archivistica per il Piemonte e la Valle d’Aosta (tra il 2018 e il 2020 Acta Progetti in collaborazione con Diana Cossa, sono state schedate presso i locali dell’ASL To3 a Collegno, dove ha sede l’archivio, oltre 4000 cartelle cliniche dei ricoverati presso gli Ospedali Psichiatrici di Torino, datate tra il 1856 e il 1896. La struttura manicomiale aveva sedi diverse nella provincia di Torino, che sono state costruite nel tempo, la più famosa e importante delle quali è quella di Collegno. Infatti comunemente si parla di “Manicomio di Collegno”, famoso anche per il suo illustre Smemorato, le cui vicende sono universalmente note e di cui si conserva la cartella clinica.

Il lavoro rientra nel progetto del MIBACT denominato “Carte da Legare”, che prevede la schedatura sul software Arcanamente delle cartelle cliniche. Il progetto, di respiro nazionale, permette di consultare tutti i fondi finora catalogati relativi agli ex ospedali psichiatrici d’Italia su un’unica banca dati nazionale. I dati rilevati per ogni cartella clinica afferiscono all’unità archivistica con le sue tipologie documentarie, date, consistenze, al paziente con l’inserimento dei suoi dati anagrafici e familiari e ai suoi ricoveri. Ogni paziente infatti poteva aver avuto più ricoveri e il software prevede l’inserimento di ognuno di essi, comprensivo di dati sulle diagnosi dei ricoverati. I ricoveri inseriti sono circa 5500.

Primo caso in Italia, le 1800 cartelle più antiche sono anche state digitalizzate dalla società Astra Media srl, con cui Acta Progetti collabora da anni.

Speriamo di continuare questo progetto in futuro, con l’arrivo di nuovi finanziamenti, per continuare a raccontare la storia e le storie di queste persone, che non devono essere dimenticate.

La targa dedicata allo smemorato di collegno
La casa di Collegno e i suoi padiglioni
Documenti sanitari: la tabella nosografica
Le misure di contenzione: storie di sofferenza